BLOG ALIMENTARE VETERINARIO
La nutrizione veterinaria secondo MyVetDiet
Il blog sullo stile di vita sano e consapevole da far adottare ai nostri amati cani e gatti.

Alimentazione, Alimentazione cuccioli, Nutrienti, Patologie

Considerazioni sulla vitamina A.


mercoledì 12 agosto 2020


Considerazioni sulla vitamina A

La vitamina A appartiene al gruppo delle vitamine liposolubili. Le vitamine liposolubili vengono così definite poiché sono in grado di sciogliersi nel grasso. Il loro assorbimento nel tratto gastroenterico è, infatti, facilitato dalla concomitante presenza di lipidi. Queste vitamine, a differenza delle vitamine idrosolubili, possono essere accumulate nell'organismo, soprattutto nel fegato e nel tessuto adiposo.

Di seguito analizziamo le funzioni nell'organismo della vitamina A, la sua concentrazione nei diversi alimenti e i fabbisogni minimi, e massimi, nel cane e nel gatto.

La Vitamina A (o Retinolo) svolge numerose funzioni biologiche nell'organismo, in particolar modo:
- regola la formazione e il mantenimento degli epiteli, della pelle e dei denti;
- interviene nella crescita e nel rimodellamento osseo;
- è un componente del pigmento retinico rodopsina necessario per la visione in condizioni di luce debole;
- partecipa al corretto funzionamento del sistema immunitario;
- è coinvolta nella spermatogenesi.



Cosa succede in caso di carenza o eccessiva somministrazione di Vitamina A



Ad una sua carenza possono seguire un ritardo di accrescimento, anoressia, cecità notturna, fotofobia, con possibile sviluppo di ulcerazioni della cornea, nonché, lo sviluppo di lesioni cutanee. Inoltre, si ha una maggior suscettibilità a infezioni, e infestazioni, a carico di diversi apparati. Negli adulti si riscontra anche una diminuzione della fertilità.

La vitamina A, una volta assorbita, viene immagazzinata in forma esterificata a livello epatico. Un'eccessiva somministrazione di questa vitamina può causare, oltre alla spondilosi cervicale deformante tipica del gatto in accrescimento, anche un'eccessiva perdita di peso, la frattura spontanea delle ossa, lo sviluppo di dermatiti squamose e/o la tumefazione delle palpebre.

In quali alimenti è maggiormente contenuta la Vitamina A



La vitamina A è principalmente contenuta negli alimenti di origine animale e ne sono particolarmente ricchi il fegato, le uova, i latticini e l'olio di pesce (in particolar modo nell'olio di fegato di alcuni pesci come, per esempio, quello di merluzzo). Negli alimenti di origine vegetale, invece, non ritroviamo direttamente la vitamina A, ma i suoi precursori sotto forma di pigmenti carotenoidi. Tra questi il più rilevante, per la sua diffusione in natura, risulta essere il beta-carotene. I carotenoidi vengono convertiti in vitamina A all'interno delle cellule della parete intestinale e, in misura minore, in altri organi come fegato, reni e polmoni. Non tutti gli animali, però, sono in grado di effettuare questa conversione: nel gatto, per esempio, manca la diossigenasi preposta a tale conversione e di conseguenza questa specie non può trasformare i carotenoidi in vitamina A.  Quando si prepara un piano alimentare per un gatto, infatti, è importante, al fine di evitare carenze, scegliere alimenti che contengono direttamente questa vitamina e non semplicemente i suoi precursori.

Per la vitamina A le linee guida FEDIAF forniscono sia i livelli minimi che quelli massimi giornalieri che un cane e un gatto, a seconda dello stato fisiologico, dovrebbe assumere.  In questo link: http://www.fediaf.org/self-regulation/nutrition/ sono reperibili le linee guida di FEDIAF aggiornate al 2018.

BIBLIOGRAFIA:
- Le vitamine liposolubili


Lascia un commento

Prima di lasciare il tuo commento, raccontaci qualcosa di te: sei un utente già registrato al sito?


Sono già registrato su MyVetDiet.it
Sono un nuovo utente e non sono ancora registrato su MyVetDiet.it




Autorizzo ai sensi del Regolamento (UE) n. 679/2016 il trattamento dei miei dati personali
Accetto le condizioni contrattuali di MyVetDiet




Tags

alimentazione casalinga canealimentazione casalinga gattoalimentazione del cane diabeticoalimentazione naturale canealimentazione naturale gattoalimentazione del cane diabeticoalimentazione sana per canialimentazione sana cane548548calcificazioni a carico di tessuti molli nel canecane rischio di danni orali o intestinalicarenze nutrizionali nel gattocane rischio di danni orali o intestinalidegenerazione centrale della retinadieta casalinga per canedieta casalinga per gattidieta casalinga per canidieta casalinga per gattodisturbi visivi nel gattoelaborazione dieta veterinariaipervitaminosi caneipervitaminosi gattomalformazioni a carico di articolazioni e dentinutrizione del cane540problemi articolari e scheletrici nel caneproblemi articolari e scheletrici nel gattoproblemi scheletrici come rachitismo nel cucciolo di caneipofertilità nel canedegenerazione dell'epitelio germinale testicolare nel canealterata spermatogenesi nel canefallimento della gestazione nel cane